Citadella - Porto Vecchio

La lanterna su misura racconta la storia della città, connettendo le persone al loro patrimonio

Porto Vecchio, conosciuta anche come la “Città del Sale” in quanto parte della città è costruita su ex saline, è la terza città più grande della Corsica. Ha 2 aree distinte; un vivace porto turistico dominato da un pittoresco centro storico con mura fortificate del XVI secolo. 

Il centro storico è una delle mete turistiche più amate della Corsica grazie al suo caratteristico labirinto di strade, piazze, ristoranti, boutique, atmosfere affascinanti e panorami magnifici.

Nell'ambito di una strategia di riqualificazione, le autorità locali hanno voluto creare un'identità distinta per il centro storico e la sua cittadella. Ha commissionato nuovi arredi urbani e l’illuminazione per enfatizzare questa rigenerazione. 
 

Illuminazione per rivelare il carattere della città

I project manager avevano scoperto il BOREAL nella città di Digione e furono subito conquistati dal suo design, originalità e forma a lanterna. Senza dubbio, il BOREAL è l'ideale per animare gli spazi urbani e creare atmosfere di festa con la sua maschera in acciaio inox traforato. Questo cattura perfettamente lo spirito di Porto Vecchio, che è una città vivace, giovane e contemporanea.
 

Le lanterne come tela narrativa 

I project manager volevano che il BOREAL fungesse da tela per raccontare la storia della cittadella. Il nostro team Schréder SIGNATURE ha raccolto la sfida di rappresentare la storia della città. Più in particolare, la maschera è stata progettata per riflettere l'affetto della comunità per un mosaico nel municipio, dove si svolgono molti eventi tra cui i matrimoni. Le autorità locali avrebbero voluto costruire una nuova sala comunale più moderna ma i residenti si sono opposti alla proposta in un incontro pubblico, affermando che il mosaico rappresenta la storia della città.  

Porto Vecchio
Francia

Cliente

Comune di Porto Vecchio

Soci

Studio di Ingegneria: Cabinet Blasini
Appaltatore: CEREM
Pali: TMC Innovation
Fotografo: Sébastien Chebassier

Questa rappresentazione risale agli anni '60. Composto da un mosaico di pietre di granito e pezzi di vetro, questa decorazione murale è un emblema culturale presente in tutte le foto di matrimonio della comunità locale e le famiglie vi sono estremamente legate.

Florence Valli
Ex vicesindaco e disegnatore della maschera

La maschera integra diversi elementi del mosaico, raffigurato con grande cura, e il nome della città in corso: Portivechju. Riflette perfettamente l'identità ed il carattere unici della cittadella e del centro storico.
 

Connettere persone e patrimonio 

Le lanterne sono dotate di LED di diverse temperature di colore (3.000 K e 2.200 K) per dare l'impressione di una lampada ad olio. Generano una straordinaria tela lungo le strade, creando un'esperienza più coinvolgente che connette residenti e visitatori alla città durante le ore notturne.

La maschera dell'apparecchio cattura i diversi elementi del mosaico. Si notano il patrimonio marittimo, con la costa di Porto Vecchio e le barche presenti. Gli ombrelloni rappresentano il turismo della città, un aspetto molto importante per l'economia. La rappresentazione delle saline e delle querce da sughero rende omaggio a questi due elementi che hanno reso famosa la cittadella. La pineta evidenzia la foresta dell'Ospedale ed il paesaggio montano. Infine, il nome della città è scritto in corso. Questi elementi sono un omaggio alle attività passate e presenti che hanno generato e contribuiscono all'identità di Porto Vecchio.

Florence Valli
Ex vicesindaco e disegnatore della maschera