Sottoterra e sotto controllo: tunnel e sicurezza informatica

Koen Van Winkel - Business Segment Manager - Schréder
Koen Van Winkel
Deputy Director, Marketing & Tunnel Business Segment Manager

Tenere le cose sottoterra è sinonimo di sicurezza. I caveau delle banche, le cantine del vino ed i passaggi segreti servono a garantire che le cose siano al sicuro ed i tunnel non dovrebbero fare eccezione. Nei nostri decenni di illuminazione di gallerie, abbiamo assistito al passaggio da un semplice interruttore di accensione/spegnimento alla gestione remota, ai sistemi di controllo ed ora ai sistemi di controllo di supervisione e acquisizione dati (SCADA). 

I nostri prodotti si integrano perfettamente in questi sistemi, consentendo ai proprietari di tunnel di costruire più velocemente, operare in modo più sicuro e raccogliere informazioni su come vengono utilizzati. I controller logici programmabili (PLC) sono direttamente collegati agli apparecchi di illuminazione, consentendo il controllo ed il feedback in tempo reale dei sistemi di illuminazione anche negli ambienti più difficili; abbiamo lavorato su tunnel del centro città che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ad installazioni in Canada dove la sabbia salina viene spruzzata sull'intero sistema di gallerie durante il lungo e freddo inverno. 

Allo stesso tempo, il panorama globale della sicurezza informatica si sta evolvendo. L'attacco Wannacry del 2017 ha colpito i servizi sanitari, gli hacker di Solar Winds e Microsoft Exchange Server hanno reso i governi consapevoli dell'importanza di proteggere le infrastrutture critiche. Il ransomware sta avendo un enorme impatto su tutto, dalle forniture di gas ai servizi sanitari. Purtroppo, qualsiasi pezzo di infrastruttura connessa è un potenziale obbiettivo, ma la soluzione è non rinunciare alla miriade di vantaggi che i sistemi intelligenti possono apportare.

Dovremmo invece prendere sul serio le minacce informatiche e costruire sistemi protetti e robusti che mantengano i dati al sicuro. Il nostro sistema di controllo remoto Advanced Tunnel System 4 (ATS 4) fa proprio questo. Consente precisi dimming e regolazioni a distanza di ogni apparecchio di illuminazione. Permette ai proprietari di tunnel di assumere il controllo creando gallerie in cui gli automobilisti si sentono al sicuro. Garantisce la sicurezza informatica in ogni fase.
 

Partire per la Tangente

Il tunnel Tangent a Mechelen, in Belgio, è lungo solo 700 metri, ma contiene più di 1.000 apparecchi di illuminazione, 400 interruttori e router gestiti, controller PLCnext (controllo della luce, ventilazione, pompaggio,..), telecamere a circuito chiuso e altri sensori e punti di sicurezza. L'enorme volume di dati è opprimente. 

Tangent Tunnel in Mechelen has been fitted with a smart tunnel lighting system that meets the strictest rules for cyber security compliance

Per mantenere una galleria come questa sicura dal punto di vista informatico ed assicurarci che gli utenti finali sappiano come gestire il proprio tunnel, identifichiamo le risorse che comunicano con l'infrastruttura, progettiamo una rete architetturale per gestirle, testiamo come si comportano, allestiamo un procedura di incidente ed un piano di ripristino, li prepariamo alla gestione della sicurezza informatica ed eseguiamo un audit finale per certificare l'intera infrastruttura.
 

Il pacchetto completo

Al centro della strategia della cybersicurezza dell'UE c'è la Direttiva NIS, che è stata varata nel 2016 e garantisce ai paesi la supervisione della cybersicurezza in settori critici, come i trasporti. Definisce anche gli standard per questi sistemi. ATS 4 è stato sviluppato in joint venture con Phoenix Contact e si basa sulla tecnologia PLCnext, un sistema di comunicazione di automazione aperto. L'ATS 4 è il primo sistema di controllo a soddisfare pienamente sia la Direttiva NIS che lo standard internazionale IEC62443, il che significa che stabilisce uno standard di riferimento per la sicurezza informatica nelle installazioni in galleria "Security by design". 

La tecnologia PLCnext è il primo sistema di controllo conforme agli standard di sicurezza informatica dell'UE, ma la protezione completa va oltre. Phoenix Contact fornisce un servizio completo certificato per garantire la sicurezza dell'intera installazione. Insieme, portiamo la nostra esperienza in fotometria, hardware, software, cablaggio, connettività, apparecchi di illuminazione e li combiniamo con l'eccellenza di Phoenix Contact nell'automazione per creare un intero pacchetto. Con opzioni di servizio continue ed una vasta esperienza a cui attingere, siamo in grado di trovare la soluzione giusta per progetti di gallerie di qualsiasi entità. 
 

Paarl in mezzo ai tunnel

Il Tunnel Huguenot fornisce un percorso attraverso le montagne Du Toitskloof che separa Paarl e Worcester nel Western Cape, in Sud Africa. Con 3,9 km di lunghezza, la galleria stradale è la più lunga del paese e 11 km più corta del passo sulle montagne. Più di 12.000 veicoli percorrono quotidianamente il tunnel, rendendo difficile la sostituzione dell'illuminazione, che consisteva in tubi fluorescenti degli anni '80 quando fu aperta la galleria. 

Huguenot Tunnel lighting solution carousel

La South African National Roads Agency (SANRAL) ha incaricato Schréder, in collaborazione con Phoenix Contact, di fornire la soluzione di illuminazione. Per illuminare questo tunnel bidirezionale sono stati installati più di 6.200 apparecchi LED a risparmio energetico gestiti dal sistema di controllo ATS; ognuno può essere controllato e i livelli di luce possono essere adattati in base alle condizioni specifiche del tunnel come il tempo, la modalità giorno, la modalità notte, la manutenzione e gli ingressi dei sensori di emergenza. Il cliente è stato lieto che abbiamo offerto la sicurezza informatica in base alla progettazione quando si è trattato di sviluppare questo pacchetto.

La connessione costante è la nuova normalità ed i proprietari delle gallerie hanno tutto il diritto di aspettarsi un livello di informazioni sulle prestazioni del tunnel che sia coerente con altre risorse infrastrutturali strategiche. Ciò significa anche prendere sul serio la sicurezza informatica tanto quanto il rischio di incendi, inondazioni o incidenti – e con ATS4 crediamo di aver fissato lo standard ancora una volta.
 

A proposito dell’autore
Koen è entrato in Schréder nel 2008, con una solida esperienza nell'ingegneria per commercializzare sistemi di controllo che stavano lentamente guadagnando slancio nel settore dell'illuminazione. È stato determinante nello sviluppo delle nostre soluzioni di illuminazione intelligente per strade e tunnel, offrendo consigli pragmatici. Infatti, con la sua esperienza e conoscenza, ha preso il controllo del Group Sales Support per accompagnare molti clienti in questo viaggio. Oggi sta portando la sua preziosa esperienza anche nel mercato dell'illuminazione di tunnel, ampliando la nostra offerta di servizi e realizzando progetti in tutto il mondo.

Connettiti con Koen su LinkedIn