Illuminazione, Inclusività, Innovazione: Le Donne nell'Illuminazione

Con oltre un secolo di storia, Schréder ha assistito a grandi cambiamenti nel settore dell'illuminazione. Dall'alba dell'era elettrica, alla trasformazione globale determinata dall'illuminazione elettrica, alle città intelligenti, siamo stati in prima linea nell'innovazione. Un altro grande cambiamento è chi guida l'evoluzione del settore: negli ultimi decenni, le donne hanno giocato un ruolo sempre più importante nel mondo dell'illuminazione. 

Nell'ultimo anno, abbiamo messo in evidenza i risultati delle donne in tutta Schréder. Per la Giornata Internazionale della Donna 2022, abbiamo parlato con designer ed esperte di illuminazione donne, che utilizzano i nostri prodotti per creare luoghi, (re)inventare spazi e creare momenti iconici per tutti utilizzando l'illuminazione. 
 

Ciò che mi interessa più di tutto è la città", afferma Isabelle Corten, fondatrice e amministratore delegato dell'agenzia belga di illuminazione e urbanistica Radiance35. “Lo spazio pubblico in generale è affascinante.” In oltre 20 anni, l'agenzia è cresciuta fino a raggiungere progetti di alto profilo in Belgio, Svizzera e Francia, tra cui l'iconica Grande Place di Bruxelles e la Quai du Seujet a Ginevra, e ha recentemente aperto un nuovo ufficio a Marsiglia.

Isabelle Corten illuminated Grand Place to create a magical nocturnal ambiance


Figlia di sociologi, Corten ha sempre messo l'inclusività al centro dei suoi progetti. Lavorando sull'illuminazione in aree tradizionalmente trascurate, crede in un approccio partecipato che coinvolga chi vive, lavora e usa un'area. Le donne usano lo spazio pubblico in modo differente dagli uomini e l'illuminazione può svolgere un ruolo fondamentale nel metterle a proprio agio.

Quando lavoriamo nello spazio pubblico, tutti i nostri progetti includono il pensare a come costruire un senso di sicurezza. L'obiettivo è creare spazi esterni il più confortevoli possibili, dove si è guidati da un luogo all'altro.

Isabelle Corten - General Manager - Radiance35
Isabelle Corten
Amministratore Delegato - Radiance35

Piccoli Progetti, Grande Impatto 

Quando si tratta di far sentire le persone più felici e sicure, "i piccoli progetti possono avere un impatto enorme", osserva. Cambiamenti come l’illuminazione di un sottopasso pedonale, che può "sembrare psicologicamente più corto", o l'illuminazione d'ingresso di un sottopasso con ”colori ritmici” possono fare una grande differenza nel modo in cui le persone, in particolare le donne, si sentono quando si spostano di sera. I progetti a basso budget e su piccola scala possono cambiare la percezione delle persone e aggiunge “dopo una revisione dell'illuminazione nella moderna città di Berchem-Sainte-Agathe "le persone si sono sentite meglio, ma non sono riuscite davvero a capire il perché".

Alcune delle città più famose del mondo stanno valutando attentamente il ruolo che l'illuminazione e l'architettura possono svolgere nel far sentire tutti i benvenuti. Il Manual de urbanismo de la vida cotidiana di Barcellona è una guida per garantire che la pianificazione tenga conto dei gruppi più vulnerabili, tra cui donne, anziani e bambini. Glasgow ha stabilito piani per rendere la città più sicura per le donne

È fondamentale coinvolgere le donne in ogni fase dei progetti di illuminazione. "È ancora un mondo con produttori, comuni, aziende di lavori pubblici, soprattutto a livello territoriale molto maschile", afferma Corten. Tuttavia, "le cose stanno migliorando", con più donne che studiano architettura e illuminazione.
 

Un Romanzo differente

Il lighting design è un settore relativamente giovane. Nata nella seconda metà del secolo scorso, l'Associazione Internazionale dei Designer di Illuminazione è stata fondata nel 1969. Ciò ha coinciso con un numero maggiore di donne che lavorano fuori casa, che significa che le donne sono state presenti nella disciplina sin dall'inizio. È importante avere modelli di ruolo che siano di ispirazione.

Penso sia importante per le donne fornire una guida e un supporto ad altre donne: veniamo tutte da così tanti background differenti nell'illuminazione. Le donne possono fare qualsiasi lavoro, quindi perché non dedicarsi maggiormente all'illuminazione.

Carol McGowan - Director - Ollume Lighting Consultancy
Carol O’Gowans
Dirigente - Ollume Lighting Consultancy

Carol O’Gowans sta attualmente lavorando con un Consiglio comunale per ottenere e implementare il loro sistema di gestione centrale per l'illuminazione, oltre a progettare schemi di illuminazione stradale urbana e rurale. Affrontando le preoccupazioni relative ai ritardi nelle consegne nel Regno Unito e all'impatto della pandemia, ha anche una visione più ampia degli schemi di illuminazione. 

La sostenibilità "dovrebbe considerare l'intero sistema di illuminazione, dai materiali utilizzati all'ubicazione dei produttori, alla manutenzione in corso", osserva. "Gli elementi di uno schema di illuminazione dovrebbero essere installati solo se esiste un piano di manutenzione in atto, altrimenti diventano un pugno in un’occhio e alla fine verranno rimossi.”

È anche interessata al ruolo che l'illuminazione può svolgere nel riportare le persone a camminare e andare in bicicletta. "Adoro l'idea della città in 15 minuti", dice. "Mi piace camminare, tuttavia a Londra trovo che le persone siano abituate a prendere la metropolitana anche se è per una o due fermate." È stata la principale progettista dell'illuminazione nella riprogettazione dell'iconica Exhibition Road di Londra, sede di alcuni dei musei più famosi del Regno Unito, un progetto che ha richiesto sette anni e introduce i milioni di persone che ogni anno visitano Londra al concetto di spazio condiviso

Carol o'Gowan worked on redesigning Exhibition Road in London to create a high-quality public space


Creare paesaggi di luce, raccontare storie

Le donne stanno anche riconsiderando i fondamenti dell'illuminazione urbana. Rozenn Le Couillard ha fondato l'agenzia noctiluca nel 2014 ed è orgogliosa di portare la sensibilità artistica nell'illuminazione urbana.

La sensibilità non è una cosa maschile o femminile. Siamo davvero uguali quando si tratta di creare idee davanti a uno schermo.

Rozenn LeCouillard - Lighting Designer - Notiluca
Rozenn Le Couillard
Lighting Designer + Founder - noctiluca

Prima di fondare la sua agenzia, faceva parte di uno spazio di coworking dove, come spiega, volevano qualcuno che non fosse un uomo e non fosse un architetto per portare nuove idee. 

Con crescenti dibattiti sulla sostenibilità nell’illuminazione, l'impatto dell'inquinamento luminoso e l'urbanizzazione, Le Couillard parte dall'ambiente. Con un background in progettazione del paesaggio, ha lavorato prima con Francois Magos il cui progetto per gli studenti era il design "assolutamente poetico" del Potager du Roi a Versailles.

Comincio sempre guardando il contesto; dove siamo, com'è l'ambiente circostante? Dov'è l'oscurità, dove sono le ombre? Con la giusta illuminazione intorno, un po' di oscurità può essere attraente, non stressante", spiega. Con il suo lavoro alla stazione ferroviaria di Saint Nazaire, si è ispirata al contrasto tra le praterie del vicino Parco Naturale Regionale di Brière e il luminoso ambiente urbano.

Rozenn Le Couillard created a harmonious nocturnal atmosphere for Saint Nazaire esplanade

Incorporare un po' di oscurità nella luce è al centro di un altro dei suoi progetti preferiti, il Parc Simone Veil ad Alençon. Celebrando la storia della lavorazione del merletto della città, un'abilità artigianale praticata principalmente da donne e suore, il suo team ha "tessuto" luci a fibra ottica ad hoc in un'installazione ispirata al castello millenario di Alençon. "Volevamo uno spazio in cui oscurità e luce fossero entrambe presenti nel centro della città", dice. “È integrato nel contesto, rendiamo omaggio alle merlettaie e si possono ancora vedere le stelle nel cielo notturno.”
 

Una Conversazione in corso

Con organizzazioni come Concepteurs Lumière Sans Frontières, di cui Isabelle Corten è Presidente, che riunisce esperti per lavorare su progetti in Europa e non solo, come il Mali e le aree urbane svantaggiate, c'è un movimento di base che riconosce i cambiamenti che l'illuminazione può apportare e le donne sono in prima linea. In Schréder, le donne fanno di tutto, dallo sviluppo di app per smart city, alla creazione di rendering 3D dei siti che illuminiamo, alla gestione di aziende nazionali.

Tuttavia, l'industria dell'illuminazione non è esente dalle sfide che le donne devono affrontare in ogni settore. L'onere dell'assistenza all'infanzia, le donne che danno priorità alla carriera del proprio partner, il divario retributivo di genere e la necessità di viaggiare per lavoro sono tutti problemi. "Le donne devono essere rappresentate a tutti i livelli della forza lavoro, anche nella gestione", afferma Constanze von Mühlenfels, amministratore delegato dell'azienda tedesca di Schréder. “Le aziende si chiedono come possono sostenere meglio le donne.”

Il Lighting Design "dovrebbe essere questione di avere un'atmosfera piacevole ovunque, indipendentemente dal sesso", spiega Le Couillard. “Credo che le donne non dovrebbero avere più paura del buio rispetto agli uomini.”
 

Vorremmo ringraziare Isabelle, Carol e Rozenn per aver gentilmente accettato di parlare e condividere i loro pensieri in occasione della Giornata Internazionale della Donna 2022.